Il sito utilizza solo cookie tecnici.
Il sito utilizza inoltre Google Analytics. Si tratta di un servizio di analisi web fornito da Google Inc. (“Google”) che utilizza dei cookie che vengono depositati sul vostro computer  per consentirci analisi statistiche. I dati raccolti sono in forma aggregata e non possono in alcun modo ricondurre a vs. dati identificativi.

Chiudendo il banner tramite il bottone  APPROVO e/o continuando la navigazione del sito, accetti l'utilizzo di tutti i cookie.

Per maggiori informazioni, anche in ordine alla loro disattivazione, è possibile consultare la nostra Informativa Estesa sui Cookies

Lettera ai Genitori... in tempo di COVID

cari Genitori,
desideriamo condividere con voi quanto emerso nell’ultimo incontro del Direttivo con ordine del giorno: “cossa femo co sto COVID?”.

Il confronto delle opinioni dei vari membri del consiglio credo rispecchi la miscela di sentimenti che ognuno di noi prova, sentimenti di paura e di timore che alternano lo sconforto al desiderio di “combattere” (senza armi).

Siamo anche noi genitori, temiamo per la salute dei nostri cari, per la nostra attività economica e sentiamo le storie riportate da chi ha amici nel settore sanitario, infermieri o medici, che non nascondono preoccupazione per ciò che sta avvenendo.

La scelta più semplice per la nostra società sportiva? chiudiamo tutto, zero responsabilità e zero impegni.

Il dibattito però si orienta su un’altra questione che ci preoccupa: cosa ne sarà dei nostri giovani se li teniamo blindati a casa, costantemente incollati al loro cellulare divenuto l’unica finestra e punto di contatto con i propri amici e coetanei?

Le nostra atlete, anche le più piccole, abituate al ritmo di due o tre allenamenti settimanali con una pausa estiva di massimo 50gg, in cui comunque svolgevano attività ludico-sportive, si sono ritrovate ormai da 8 mesi praticamente ferme.

Non è un caso od una svista se chi ha responsabilità di governo cerca in tutti i modi di non “chiudere” ed isolare i nostri ragazzi. Certo per come è strutturato il sistema dei trasporti nel nostro paese la scelta diventa praticamente obbligatoria ma, dove si può si fà il possibile; anche nelle cosiddette “zone arancioni” i ragazzi della materna, delle elementari e delle medie continuano la didattica in presenza non solo per l’aspetto culturale e didattico ma anche per l’aspetto sociale e conviviale.

L’attività sportiva che promuoviamo è considerata di “Interesse nazionale” ed autorizza l’allenamento, nel rispetto delle varie norme sanitarie, almeno per le categorie che vanno dalla U13 alla U19, e la Dream Volley dopotutto si è adeguata a tutti i protocolli sanitari suggeriti dai vari DPCM, dal CONI e dalla Federazione di Pallavolo con cui è costantemente in contatto

E’ maturata così la decisione unanime di proseguire quanto più possibile l’attività di allenamento, i campionati sono sospesi almeno fino a gennaio e sicuramente dovremo adeguarci di volta in volta in base all’andamento dell’epidemia e dei provvedimenti che verranno emanati.

Proseguiamo quindi la sola attività di allenamento mantenendo il distanziamento tra le atlete prediligendo un lavoro individuale nella convinzione che sia la scelta migliore per le nostre ragazze.

Alla fine il nostro impegno è comunque un Servizio che offriamo e vogliamo mantenere per chi comunque ne sentirà l’esigenza o vorrà usufruirne in totale autonomia

Ognuno di voi genitori è libero di far partecipare o meno la propria figlia sulla base delle vostre storie personali, delle vostre convinzioni, dei vostri timori e consapevolezze.

Ci rimettiamo quindi al vostro giudizio ed attendiamo da parte di ognuno di voi l’indicazione se vorrà continuare ad usufruire dei nostri servizi... o se intenderà agire diversamente.

Il Direttivo ASD Dream Volley
Assemblea Consiglio Direttivo del 09 novembre 2020

  • roby hair style
  • marchetto fabio
  • BarManfio
  • pharmachiara
  • TecnoAcustik
  • centro ottico frizzarin
  • termit
  • infonet
  • GelliVerniciatura
  • Bernardi
  • Logo Feca
  • Passuello
  • xspandit